progetti

Nella mia testa e nel mio cuore nutro e coltivo svariati sogni.

Come un contadino che prima della semina studia la terra più adatta per ciò che vuole mangiare nei mesi a venire, così io custodisco i semi per poterli spargere nel terreno più adatto.

I semi sono al sicuro: non per avidità, ma perchè sono un tesoro prezioso, che vorrei condividere con coloro che possono accoglierli e comprenderli, coloro che riescono a cogliere l’intenzione profonda di questi progetti.

Oltre a voler rendere la raccolta di erbe spontanee una professione a tutti gli effetti, sogno di poter sviluppare “strumenti” di natura, modi di riportare sentimenti e conoscenze del mondo vegetale.

Nel mio frullatore mentale ci sono varie idee sul “come”:

*attività ludiche

*lavori artigianali su supporti naturali

*fitofavole e dintorni, una “scrittura vegetale“, un inno al regno verde, sottovalutato e dimenticato. Storie che hanno come protagonisti i vegetali, da cui si possono trarre vere e proprie lezioni per vivere la condizione di essere umano in modo migliore.